Lamberto Lambertini / “nolimetangere”

L’incompiuto in sé comporta apertura.

Siamo così motivati a interrogarci di quello
che manca e di quello che c’è. Perché l’opera,
per sua stessa natura, si è costruita lungo
due linee apparentemente inconciliabili.

Una doppia visione che amplifica
le potenzialità del non-finito,
producendo ulteriore apertura.

Un circolo senza fine per tentare
di accogliere la relatività del reale.

Una doppia narrazione a due voci, l’artista
e la modella, l’uomo e la sua amata,
una trasparente e decifrabile,
l’altra insondabile e oscura.

“Gesù risorto appare alla Maddalena che cade ai suoi piedi: Maria, non toccarmi, non voler toccarmi, lasciami andare, non mi trattenere, nulla potrà essere come prima, il mio viaggio è appena iniziato, non pensare di fermarmi, è vero che sono qui, in carne e ossa, ma non sono tornato per vivere nella vita, ma per vivere nella morte, non fare domande, la mia dimensione è
altra dalla tua, dove le parole non servono, non piangere, mia amata, credi in me per testimoniare al mondo quello che adesso vedi.”

Lamberto Lambertini / nolimetangere / opere incompiute
vernice giovedì 9 giugno ore 19.30 alla presenza dell’artista
9 giugno – 30 luglio 2016