Güler Ates

Lavora con video, fotografia, incisione (printmaking) e performance. Alla base della sua ricerca c’è l’esplorazione dell’esperienza della “dislocazione culturale”. Le manifestazioni del suo lavoro sono realizzate attraverso performance e attività “adattive” (site-responsive) in aree che fondono sensibilità orientali ed occidentali. I siti architettonici in cui lavora appartengono solitamente ad un’epoca specifica con particolari collegamenti con il colonialismo (ora post-colonialismo) e l'”Oriente”. Ha condotto ricerche sulla storia di questi siti che le hanno fornito informazioni sull’origine del tessuto che diventerà poi il costume o il velo da far indossare al suo performer. Essendo parte della performance, il soggetto narra una vicenda disegnata dalla storia del sito, esplorando il suo sentimento di dualismo culturale. Usa il paragone storico per evidenziare questioni politiche e sociali, specialmente quelle riguardanti il velo e politiche di genere. Ha precedentemente realizzato i suoi progetti nei seguenti scenari: Victoria & Albert Museum, London; Cité Internationale Des Arts, Paris; Leighton House Museum, London; Great Fosters (vecchio casino di caccia reale del re Enrico VIII), Egham; Royal Academy of Arts, London; e City Palace, Udaipur, Rio de Janeiro.  Attualmente ha una residenza artistica all’ Eton College.


Garment of Flower and She I (2013), 40×60.5cm. | Edition of 5 – 1 available

Red Lace Shroud I (2013), 18x20cm. | Edition of 10 and 7 available

Monument (2013), 100x81cm | Edition of 5 – 2 available